Articoli correlati ‘sonda’

Sfiorata tragedia sulla Luna

17 giugno 2009

La sonda spaziale giapponese Kaguya, partita per la Luna a settembre del 2007, si è schiantata al termine della propria missione, ma per fortuna lo ha fatto “in un’area disabitata”.

Dal disinformatico.

Sonda giapponese cade sulla Luna. Per fortuna in un’”area disabitata”, rassicura Adnkronos

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di Luca Canteri, citato con il suo permesso, e grazie alle segnalazioni di numerosi lettori. L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Finalmente nero su bianco la notizia che tanti ufologi aspettavano: l’ammissione che gli alieni esistono e sono sulla nostra porta di casa, sulla Luna. E saranno pure un po’ seccati che facciamo piovere satelliti sulle loro teste.

Adnkronos infatti scrive che la sonda spaziale giapponese Kaguya, partita per la Luna a settembre del 2007, si è schiantata al termine della propria missione, ma per fortuna lo ha fatto “in un’area disabitata”. Perché, sulla Luna ci sono anche zone abitate?

Non paga di questa perla, Adnkronos aggiunge anche che “Gli strumenti della sonda hanno scoperto che l’ultima eruzione di magma vulcanico nei ‘mari lunari’ prima di quanto si ritenesse. E’ accaduto 2,5 miliardi di anni fa e non 3 come gli scienziati avevano ipotizzato.” A parte lo sprazzo d’ermetismo ungarettiano nell’omettere il verbo nella prima frase, se l’ultima eruzione è avvenuta 2,5 miliardi di anni fa anziché 3, vuol dire che è avvenuta dopo, non “prima di quanto si ritenesse”.

Ci sarebbe anche da dire qualcosa sull’occhiello “Riscritta la toponomastica del luogo”. La toponomastica si occupa dei nomi dei luoghi, che però Kaguya s’è ben guardata dal cambiare. Non è andata in giro per la Luna a modificare i nomi dei crateri e dei monti. Non dovremo ristampare tutte le mappe seleniche. Kaguya aveva a bordo un sensore altimetrico che ha eseguito dettagliatissimi rilievi della superficie della Luna, per cui la parola che sfugge all’estensore dell’articolo di Adnkronos come un’anguilla insaponata vorrebbe sfuggire a Valeria Marini è semmai topografia.

E’ troppo chiedere che le notizie scientifiche vengano scritte da qualcuno che abbia una vaga conoscenza dell’argomento? Non pretendo che sappia risolvere equazioni di terzo grado usando gli stuzzicadenti, ma che almeno conosca il concetto di “prima” e “dopo” e sappia che la Luna non è abitata.

O almeno questo è quello che vogliono farci credere.