Articoli correlati ‘semi’

Vendita semi on line. Due arresti in Toscana.

3 maggio 2010

Vicchio, piccolo paese in provincia di Firenze, è nella bufera. Il giovane vicepresidente del Consiglio Comunale, Marco Gasparrini (32 anni, PD eletto nella lista del centrosinistra), è stato arrestato insieme al suo socio, Luigi Bargelli (35 anni), a causa della sua attività di vendita su internet di semi di marijuana.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è giunta da Bolzano a causa dell’attività della società Semitalia (con sede a Borgo San Lorenzo), gestita dai due, che vende via web in tutto il mondo semi di canapa. Nell’operazione sono stati sequestrati 20mila semi di marijuana.

L’inchiesta è coordinata dalla procura di Bolzano, ed è condotta dai carabinieri di Merano. Gli arresti, ha spiegato il pm titolare dell’inchiesta, Markus Mayr, non sono per il “commercio di semi di canapa, ma per istigazione all’uso illecito di sostanze stupefacenti”. In Italia infatti la vendita del seme di canapa (che non contiene THC, il principio attivo) non è considerata illegale e come già successo per altri siti sequestrati viene perseguita solo con una intepretazione estensiva, e vicina a configurare un “reato di opinione”, del concetto di istigazione all’uso.  A rendere ulteriormente grottesca la vicenda è che lo stesso Tribunale di Bolzano alcuni mesi fa aveva riconosciuto la legittimità della vendita di semi in un pronunciamento ottenuto dall’avv. Carlo Alberto Zaina, lo stesso che ora difende i due titolari di Semitalia.

L’avvocato Zaina ha chiarito alla stampa locale l’inesistenza dell’attività di spaccio, e ribadito la propria tesi in merito all’attività di vendita dei semi. Cioè che l’accusa di istigazione alla coltivazione, rivolta ai due ragazzi verso i clienti, sarebbe infondata in quanto la vendita dei semi non è illegale. L’avvocato ha spiegato anche che dal sito internet della Semitalia sarebbe sparito ogni riferimento alla coltivazione; e che per questo non si potrebbe più ipotizzare la reiterazione del reato facendo quindi cadere anche i presupposti per la carcerazione preventiva

Solidarietà a Marco Gasparrini è stata espressa dal Consiglio comunale di Vicchio con una mozione votata all’unanimità.

(articolo per fuoriluogo.it)

Celo, celo, manca…

27 gennaio 2010

Chi si sta progettando l’orto come me può trovare molto interessante questa iniziativa di scambio semi del GAS Città Nova al Centro Sociale di Via Resistenza 34 a Ferrara, il prossimo 6 marzo:

COME UCCELLETTI, GHIOTTI PROPAGATORI
Tanti di noi amano giocare con i semi. Tanti di noi si sono fatte domande alla Rodari ‘per fare un albero, cosa ci vuole?’ Tanti di noi potrebbero scoprire la magia di un fagiolo che germoglia, che da’ foglie e tralci arrampicatori. Tanti di noi potrebbero fermarsi a guardare l’asfalto e scoprire che, in una fessurina, qualcosa e’ germinato e ora offre un’oasi di verde ai nostri occhi.Tanti di noi potrebbero popolare il balcone, o anche solo il davanzale, con creature viventi silenziose e tenaci. Avete mai tenuto da parte i semi di frutta e verdura acquistate? o dei bulbi presi al supermercato? Avete mai desiderato popolare Ferrara e le zone limitrofe? Vi siete mai chiesti che potenza potrebbero avere quei semi, messi nel terreno? Volete dividerli con altri e confrontare le esperienze, costruendo la nostra coperta patchtwork di erbe e fiori?

SABATO 6 MARZO 2010
DALLE 10 ALLE 12
Via Resistenza 34
presso il Centro Sociale Anziani
a Ferrara

CI TROVIAMO PER SCAMBIARE SEMI, QUALSIASI SEME.SEMI CHE AVETE RACCOLTO LUNGO LA STRADA, NEL FRIGO, SEMI CHE AVETE ACQUISTATO, SEMI CHE AVETE RIPRODOTTO. QUESTA VOLTA VOGLIAMO GIOCARE SULLA
DINAMICA DEL LIBERO SCAMBIO. NON VI CHIEDIAMO NESSUNA GARANZIA,
A PARTE IL FATTO CHE SI TRATTI DI SEME PRESUMIBILMENTE ‘GIOVANE’ E
GERMINABILE.

Per chi desidera approfondire i segreti della genetica, dell’impollinazione e di tutto il lavoro che c’e’ da attivare per un vero e proprio SEED SAVING, siamo disponibili a parlarne e a progettare
una serie di incontri. Per ora il presupposto e’ la sola gioia di donare e l’imparare a ricevere, in gratuita’!

NOTE TECNICHE:
per facilitare loscambio vi preghiamo divenire con i semi già divisi in bustine, (siate generosi nelle quantitàdi semi!!) meglio ancora se autoprodotte con materiali di riciclo. Fatevi aiutare dai vostri figli, nipotini… o dagli amici in una serata di pioggia!
Scrivete:
- il nome della pianta, ancora meglio il nome botanico
- i due nomi in latino cioè, per es Lamium purpureum. Meglio ancora se sapete il nome della varietà, es pomodoro var. San Marzano.
- l’anno di raccolta. Se proprio vogliamo sognare, compiliamo una scheda con queste info:
- da dove è venuto il seme, es zucca comprata al conad, fagiolo che la nonna coltivava da anni, bustina prodotta dalla casa sementiera del signor Rossi…
- da quanti anni lo riproducete
- note di coltivazione.

G.A.S. CITTANOVA
ECOISTITUTO ALTO POLESINE
info: 329-5959816